Rischio politico: BTP vs CCT

Il Sole 24 Ore pone una questione fondamentale per chi in questo periodo si è chiesto quale sarebbe stato il destino dell’Italia dopo le elezioni, e di come il debito pubblico potrebbe ancora influenzare il mercato.

Ci sono due correnti di pensiero: chi è convinto che l’acquisto dei titoli di stato prosegua in modo più ridotto rispetto al passato e chi respira aria di ripresa economica, negando il condizionamento del rischio politico sui mercati, soprattutto per quanto riguarda l’Italia, che di stabilità politica non è virtuosa. Qualcuno però avverte come, in via generale, si abbia la sensazione che si stiano sottostimando le insidie che arrivano dalla politica.

Nonostante ciò qualche Titolo del tesoro si è comportato meglio degli altri: Btp e CCt.

Da inizio anno si è assistito a un progressivo crescente interesse da parte degli investitori verso i CcT i Certificati di credito del Tesoro. Sono titoli a tasso variabile (indicizzato all’Euribor a 6 mesi), che con i loro 139 miliardi di euro rappresentano circa il 7% del debito complessivo italiano collocato sul mercato secondario e che in generale sono stati piuttosto bistrattati negli ultimi anni, ma che ora si sono quasi allineati con i titoli a tasso fisso, i BTp.

 

Qualcuno con cautela si sta preparando a un futuro rialzo dei tassi di mercato in previsione di un’ulteriore riduzione o addirittura del termine del piano di riacquisti.

 

“Il discorso si intreccia però anche con la situazione politica italiana. Parlando in termini di percezione del

rischio Paese, Marzotto Sim ritiene che si possa assistere a effetti negativi «soltanto con scenari estremi,

ovvero nell’ipotesi di un governo “ultra populista? che potrebbe rallentare il processo di riforme avviato

dai precedenti esecutivi». In questo caso non sarebbe neanche da escludere, secondo gli analisti, che il

rendimento del decennale italiano possa risalire ben oltre il livello del 2%.

Ma la nota interessante, soprattutto agli occhi di un risparmiatore, è che in uno scenario simile il comparto

dei titoli a tasso variabile (cioè i CcT) «potrà continuare a performare positivamente, anche se a breve

saranno possibili alcune pressioni per l’attesa emissione del nuovo CcT settembre 2025». Non solo:

«Qualora dovessero verificarsi correzioni legate alle dinamiche di formazione del nuovo governo italiano

– sostiene Marzotto Sim – si potrebbero creare interessanti opportunità di entrata nel segmento CcT, che

in genere è di fatto più sensibile a questi tipo di eventi rispetto ai BTp».”

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2018-04-18/btp-e-cct-qual-e-titolo-stato-piu-resistente-rischio-politico-171048.shtml?uuid=AElaEjaE&fromSearch

 

Condividi su:


Altri articoli interessanti...

  • Calendario 2019 emissione dei Titoli di StatoCalendario 2019 emissione dei Titoli di Stato Il calendario delle emissioni dei titoli di stato italiani del 2019. Visualizza qui di seguito il calendario o scaricalo dal link qui sotto per consultarlo off line. Il Calendario […]
  • Quanto rende un BTP oggi ? Spesso le persone mi chiedono cose impossibili: rendimento e sicurezza. Hanno in mente i BTP quando rendevano oltre il 10% netto. Purtroppo, o per fortuna, quei rendimenti non ci sono piu. […]
  • Le opportunità dei Fondi PensioneLe opportunità dei Fondi Pensione Chi può permettersi al giorno d’oggi un fondo pensionistico? Secondo ciò che ci racconta Il Sole 24 Ore la maggior parte della popolazione ad alto reddito ha tassi di partecipazione più […]
  • Si sono estinti gli unicorni ?Si sono estinti gli unicorni ? Cos'è un unicorno in finanza e quali saranno di successo duraturo ?

Un commento su “Rischio politico: BTP vs CCT”

Lascia un commento


screen tagAssistenza