Pensioni Quota 100 risolve tutto?

L’aprovazione del decreto legge 4/2019 chiamato anche “quota 100” potrebbe ridurre l’attenzione dalla necessità di accantonare delle somme per quando non lavoreremo più. Facciamo qualche considerazione su questo.

(le parti evidenziate sono link a pagine esterne di approfondimento)

I dubbi espressi sulla sostenibilità dei conti della misura ed il carattere di provvisorietà della stessa (dura infatti tre anni la norma così com’è oggi) ci fa pensare che ci saranno delle rimodulazioni di questa norma anche nel breve periodo.

Ipotizzando anche una costante e sostenibile applicazione di questa norma nel tempo va tuttavia considerato che l’anticipazione della pensione comporta un ulteriore riduzione della pensione stessa. La riduzione è equa in quanto non si versano contributi ed il divisore per la pensione è maggiore essendo la vita residua più lunga. In parole semplici: ci sono calcoli accurati che portano ad ipotizzare una riduzione fino al 30% della pensione che spetterebbe con la precedente normativa.

Se per le persone più vicine alla pensione questo lascia spazio a riflessioni sull’opportunità di approfittare della norma, sui più giovani non deve allentare in alcun modo l’attenzione all’accantonamento di integrazioni alla previdenza pubblica, indipendentemente dalla forma. Questa norma non riduce il fabbisogno futuro di integrazione, ma anzi lo enfatizza: se decideremo, o dovremo decidere, di approfittare di quota 100 avendo una previdenza pubblica inferiore o ridurremo il nostro fabbisogno oppure integreremo in modo più pesante con quanto in autonomia abbiamo accantonato.

Riassumendo: Quota 100 è una nuova possibilità di anticipare la propria pensione, ma se vogliamo scegliere questa opzione senza ripercussioni economiche dobbiamo con i giusti tempi continuare a costruire un sostegno con risorse proprie che andrà ad integrare quanto sarà ridotto dall’anticipo.

LEGGI anche :  Le opportunità dei Fondi Pensione

Nell’accantonamento previdenziale non si deve demordere per non essere costrette in un futuro a non poter aderire a quota 100.

Condividi o seguimi con:

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: